linea marrone

 1 r

 

 

Ascolta in viva voce

 

P’ NAN FÈLI CIÙ SCAPPÈ

(Dialettale)

 

Nudd su putìva mag’nè d r’zzèv l’invìt

P’ n’incòntr inasp'ttàt accuscì béngh organ’zzàt

N’ cödda sàla tutta rrössa

Ddi càmsgi biànchi di studénti d’aguànn

S’ cunfönniv’nu cu biànch di cavègghi

D’ cöddi ch’ giuv’nétti gghiàv’na stàit na vòta

Sci, ma ciù d mènz sèculu ‘ndarrèra

 

A ved’li öra tutti ‘nsemu accuscì

Ungh o sciànch a l’autr

A niàuti föm’ni ch’i taliàv’mu

Pariv’nu na clàsse d carösi

Prònti pa rec’ta da fìngh d l’ann

 

Iéddi nan s’ pute’vnu véd o spècchiu

Ma era pròpriu na b’ddézza talièli

A frosonomìa d’ognùngh era d’vèrsa d l’autr

Ma l’emuzziöngh ch’ ggh fasgèa lucc’chè l’òggi

Era a stìssa p’ tutti

 

Quànn pöi s’ttàti ‘ntàvula

A l’otta d mangè e bév

Ognùngh cum’nzà a cunté da so vìta

Famìgghia travàggh fìgghi n’vétti

Còm na puisìa "Sp’tànn l’incòntr"

Allöra l’emozziöngh da matt’nàda

Nan gghià fès ciù a r’stè dìntra a l’oggi

E s’ sciògghì n’ ddàrmi

D cu parràva e d cu scuttàva

 

Er’nu ddàrmi d cuntèntizza p’rchì

Dòp mènz sèculu ch’ nan s’ v’dév’nu

Cösti beddi omi s’ssàntuttìni

Putè’vnu parrè fàcci a fàcci

Cu i végghi cumpàgni d scòla

E fu accuscì ch’ cönt dop cönt

S’ cum’nzà a r'cùsg cö fìu dî r’gòrdi

Ch’ p’ bona part di pr’sénti s’era sö l’ntà

 

Quànn l’urt’m giövu s’ssàntuttìnu

F’nì d’ cunté da so vìta

Tutti i pr’sénti e i föm’ni ‘nprima fìla

Capìnu ch’ dd fìu du r’gòrd

S’era r’cùsgiuit, o méggh,

S’era pròpriu ‘nturciuniè

Str’nzènn’li tutti l’ungh a l’autr

P’ nan fèli ciù scappè

 

 

Rosalba Termini,
Aprile 2016

        

 

 

 

PER NON FARLI PIU' SCAPPARE

(Traduzione)

 

Nessuno se lo poteva immaginare di rivevere l'invito

Per un incontro inaspettato così ben organizzato

In quella sala tutta rossa

Quei camici bianchi degli studenti di quest'anno

Si confondevano col bianco dei capelli

Di quelli che giovinetti c'erano stati una volta

Sì, ma più di mezzo secolo fa

 

A vederli ora tutti insieme così

Uno a fianco all'altro

A noi donne che li guardavamo

Sembravano una classe di ragazzi

Pronti per la recita di fine d'anno

 

Loro non potevano vedersi allo specchio

Ma era proprio una bellezza guardarli

La fisionomia di ognuno era diversa dall'altro

Ma l'emozione che faceva loro luccicare gli occhi

Era la stessa per tutti

 

Quando poi seduti a tavola

Al momento di mangiare e bere

Ognuno cominciò a raccontare della sua vita

Famiglia lavoro figli nipoti

Come nella poesia "Aspettando l'incontro"

Allora l'emozione della mattinata

Non gliel'ha fatta più a rimanere dentro gli occhi

E si è sciolta in lacrime

Di chi parlava e di chi ascoltava.

 

Erano lacrime di contentezza perché

Dopo mezzo secolo che non si vedevano

Questi begli uomini sessantottini

Potevano parlare viso a viso

Coi vecchi compagni di scuola.

E fu così che racconto dopo racconto

Si cominciò a ricucire quel filo dei ricordi

Che per buona parte dei presenti si era solo allentato

 

Quando l'ultimo giovane sessantottino

Finì di raccontare della sua vita

Tutti i presenti e le donne in prima fila

Capirono che quel filo del ricordo

Si era ricucito, o meglio,

Si era proprio attorcigliato

Stringendoli tutti l'uno all'altro

Per non farli più scappare

Commenti   

+2 #1 Mara Anfuso 2016-05-01 16:23
 Ciao Rosalba finalmente ho trovato il momento giusto per ascoltare la tua splendida poesia che  rende l'incontro vivo come se passasse  davanti ai nostri occhi, la splendida giornata vissuta dai nostri mariti e che in qualche modo ha coinvolto  anche  noi emotivamente.
 Sentirti leggere mi è sembrato che tu fosssi seduta accanto a me.
Quello che è risaltato,è che tu non abbia trascurato nulla delle emozioni che si sono affollate in quella giornata.
Sono felice di aver trovato una vera amica e ti esorto a dar voce a tutti i tuoi precedenti scritti.con affetto Mara
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Siti utility

Calcolo Imu e Tasi

Calcolo codice fiscale

Consultazione rendite catastali
   

Link Città

Roma
Milano
Napoli
Torino
Bologna
Firenze
Palermo
Genova
                     

VIDEO PROVIDERS

YouTube

Vimeo

Flickr

 

ClaudioCiao, quello in foto sono io, mi chiamo Claudio Campagna e questo è il mio sito. Sono Web Designer Freelance e mi interesso di CMS, soprattutto di Joomla e Wordpress. Condivido  con altri le mie idee e le mie esperienze. Sviluppo siti web in Joomla. Svolgo il mio lavoro con tanta voglia e molta professionalità.

La mia email per contattarmi: clacamp@libero.it

 

 

 

Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente. ...APPROFONDISCI...