linea marrone

 

 cinema Ariston

 

 

 

Ascolta in viva voce

 

ERA SO...PANGH E CIN’MU

(Dialettale)

 

Pròpiu ’n cösti giörni avöma sent’ùit num’né

a paródda <<ARISTON>>

Adaccuscì st nom m’ha r’purtàit ‘ndarrèra n’l’anni

(cost da ‘ncoch témp zzà, m’ sta succ’dènn ogn’ tantìcchia...

Sarà colpa d’ l’ità ch’avanza!?)

Ma l’ARISTON ch’ ggh’hòi n tèsta

non ggh’ ‘ntras nent cu Sanremo da Liguria

e manch cu Festival.

Eh scì, u mi p’nsèr va o beù cin’mu du mi pais...“CIAZZA”

Ma fòrs é mèggh ch’ d’sgiöma

<CO CH’HA R’STAIT DU BEU CIN’MU>

p’rchì oramai é r’dusg’ùit a <monumènt du d’ssòlu>

Bannunàit ‘n cödda gnùnàda

cu i pòrti srràti o mèggh pròpiu muràdi

e p’giönta p’ttùrài, com p’ de’ggh n’àriata d’ cuntègn!

Na vòta i cr’stiài a Ciazza parrànn fra jèddi d’sgev’nu

< Quàu film dòn’nu stasera all’Ariston?>

Òra a dumanna ha d’v’ntàit

<Unna ggh l’hai tu a màch’na?

A mia ggh l’hòi posteggiàta all’Ariston>

Eh scì...’ncuscenza...A ciàzzetta dananzi ô cin’mu

r’dusgua a PARCHEGGIO

e cu tant d’ màch’nètta mangiagrai.

Jè stissa, non m’ pozz muccè,

quann sign a Ciazza posteggiu a mi màch’na

propiu all’Ariston, ma vu pozz giurè

non ggh’è na vòta ch’ davanzi a l’òggi

non m’ pass’nu ‘n rassegna i r’gòrdi nit’di

d quann a l’Ariston ggh’annàva p’ guardè

<Quo vadis?!> o cas’mai

<I dieci comandamenti>.

M’ r’vèd ‘nsémula cu m’ matri e m’ sora Maria V'ttòria

tutti e trèi ‘mp’rp’t’cchiàdi

e cu m’patri o sciànch ch’ n’ cumpagnava

p’ poi v’nì a p’gghiè’nn a film f’nùit.

Ma p’annè o cin’mu cu a mi famigghia

ggh’av’na ess trèi cund’zioi...

Ch’ m’sora d sett’anni ciù ranna d mì

avèa f’nuìt d fè i comp’ti da scòla pu giorn dop.

Ch’ jè p’ tutta dda giurnàda

non avèa fàit raggé m’matri

(era jèdda a vera carrub’nèra n’casa mia)

A tèrza cund’ziongh era cödda d’ purtèm,

‘nf’làit nta bursétta d mi matri,

na f’ddètta d pangh schitt.

E com’era dozz mangè’lu

stàta ddassùsa, ntô scùr da sala

sulament ogn’ tant ‘lum’nata

da lampiáda da guardia,

ch’ cumpagnava o so póst

‘ncoch r’tardàtariu!

E ciù u film m’ piasgèva,

ciù jè m’r’criàva a dè muzz’coi

a me f’ddètta d pangh schitt

com s’avess stait na pr’l’batèzza...

invèci

ERA SO...PANGH E CIN’MU

 

 



Rosalba Termini

Febbraio 2016

       



 

 

 

ERA SOLO PANE E CINEMA

(Traduzione)

 

Proprio in questi giorni abbiamo sentito nominare

la parola<<ARISTON>>

Così questo nome mi ha riportato indietro negli anni

(ciò, da un po’ di tempo in qua, mi sta capitando spesso...

sarà colpa dell’età che avanza!?)

Ma l’Ariston che ho in mente

non c’entra niente con il Sanremo della Liguria

e neanche col festival.

Eh sì, il mio pensiero va al bel cinema del mio paese...Piazza.

Ma forse è meglio dire

<QUELLO CHE E’ RIMASTO DEL BEL CINEMA>

perchè ormai è ridotto a

<munumento della trascuratezza>

Abbandonato in quell’angolo

con le porte chiuse o meglio proprio murate

e per giunta dipinte, come per dar loro un certo contegno!!

Una volta le persone a Piazza parlando fra loro dicevano

< Quale film danno stasera all’Ariston?>

Ora la domanda è diventata

<Dove hai la macchina?

La mia l’ho posteggiata all’Ariston>

Eh sì...peccato...La piazzetta davanti al cinema

ridotta a PARCHEGGIO

e con tanto di parchimetro.

Io stessa, ad essere sincera,

quando sono a Piazza, posteggio la mia auto

proprio all’Ariston, ma vi posso giurare,

non c’è una volta che davanti agli occhi

non mi passino in rassegna i ricordi nitidi

di quando all’Ariston andavo per guardare

<Quo vadis?!> oppure

<I dieci comandamenti>

Mi rivedo insieme a mia madre e mia sorella Maria Vittoria

tutte e tre ben vestite e ben pettinate

e con mio padre a fianco che ci accompagnava

per poi venirci a prendere a film finito.

Ma per andare a cinema con la mia famiglia

dovevano esserci tre condizioni...

Che mia sorella, di sette anni più grande di me,

aveva finito i compiti di scuola per il giorno dopo.

Che io per tutta la giornata

non avevo fatto arrabbiare mia madre

(era lei la vera carabiniera in casa mia)

La terza condizione era quella di portarmi,

dentro la borsetta di mia madre,

una fetta di pane senza companatico.

E com’era buono mangiarlo

seduta lassù,nel buio della sala

solamente ogni tanto illuminata

dalla torcia della guardia

che accompagnava al suo posto

qualche ritardatario!

E più il film mi piaceva,

più mi soddisfavo a mordere

la mia fettina di pane

senza companatico

come se fosse stata una prelibatezza...

invece

ERA SOLO...PANE E CINEMA


Rosalba Termini

Febbraio 2016

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Siti utility

Calcolo Imu e Tasi

Calcolo codice fiscale

Consultazione rendite catastali
   

Link Città

Roma
Milano
Napoli
Torino
Bologna
Firenze
Palermo
Genova
                     

VIDEO PROVIDERS

YouTube

Vimeo

Flickr

 

ClaudioCiao, quello in foto sono io, mi chiamo Claudio Campagna e questo è il mio sito. Sono Web Designer Freelance e mi interesso di CMS, soprattutto di Joomla e Wordpress. Condivido  con altri le mie idee e le mie esperienze. Sviluppo siti web in Joomla. Svolgo il mio lavoro con tanta voglia e molta professionalità.

La mia email per contattarmi: clacamp@libero.it

 

 

 

Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente. ...APPROFONDISCI...