linea marrone

 

 

Ascolta in viva voce

 

AÖI T’ FRUNTȦSTI D’ SALUĖR’M

(Dialettale)


Quann sï ab’tuáta a ved to pàtri ntê r’tràtti ‘mp’nnui casa-casa

v’stuit ‘n pòmpa magna, cu ddà bedda d’visa nèra d’ carrub’nèr,

ddà bedda fascia biancha e ‘n tèsta u capèu cu p’nnàcch culöratu

E tu sï ‘na p’c’ddètta d növ-désg ànnetti

ch cum’nza a dumannè’s i primi p’rchì e p’rcom da vita,

non t’capac’ti a ved to pàtri casa-casa d’vers d’ cu di r’tràtti.

Ddà, giövu e b’ddàzz com u sö, cu i cavégghi nèri

e döi mustàzzetti ch’ ggh dèv’nu so l’apparènza d l’öm autor’tàri

p’rchì sötta sötta jéu era böngh com u pangh.

Ma u sa’vöma, u temp é ‘n rann cam’naör

e ‘ntant tu crésci e ‘mpùru to pà nan ha ciù a s’m’gghiànza  

du beù carrub’nèr du r’tràtt.

A d’visa nèra ha lasciait u póst a na giacchétta marröngh

manch tant növa. Inveci di scàrpi nèri e luc’di

ggh’vidi e pè st’vàli àuti o g’nögg.

U bèu capèu cu p’nnàcch culöratu

ha r’stà ntô r’tràtt

p’rchì ora to pà usa na b’rrètta.

E v’stu accuscì ogn’ mattingh s’n’ara anné a B’ddia

unna travagghia com capusquatra

p’aum’ntè i grai da so pensiôngh d’ carrub’ner.

Quann a séra jèu s’r’cöggh ‘n casa stanch,

ggh vai ‘ncontr, tu brazzi e non t’ ‘mpòrta

s’ non è v’stuit ‘n pòmpa magna.

‘N ddà vòta però no mèntr ch’stavi giuànn a mùcci

o Ciàn Pretura ‘nzému o söl’t gruppètt d carusetti amici toi,

scaristi d’ dduntàngh to pàtri ch s’ stava r’cögghienn ‘n casa dop u travàggh.

Tu ca cöda d’ l’òggi,

v’dennlu v’stuit com avöma spiegat prima,

pruvàsti N’AMAR S’NT’MENT D’ V’RGOGNA.

V’sgingh a ti ggh’er’nu i toi cumpagnétti

e non avisci mai vulùit ch’ jeddi avess’nu v’duit to pàtri

v’stuit ‘n ddà manèra.

All’öra fasgisti n’att ch’ancöra aôi a to cuscenza r’mulia...

t’ vutasti d’ ddabànna

p’ fè finta d’ non canösc’lu.

To pàtri era n’om mutàngh’n e i so pochi paròddi

i disgeva d’ preferènza cu l’öggi. Ma cödda sèra, s’tati ‘n tàvula

i so öggi r’sta’nu a f’ssé u piàtt da m’n’strina ch’ ggh’avéa danànzi.

E fu accuscì ch’ i to aréggi scutànu cô ch mai e pöi mai

na figghia avèss vuluit sent’s dì d’ so pà

“AÖI T’ FRUNTȦSTI D ’SALUĖR’M”

Rosalba Termini

Febbraio 2016

       



 

 

OGGI TI SEI VERGOGNATA DI SALUTARMI

(Traduzione)


Quando sei abituata a vedere tuo padre nelle fotografie appese in casa

vestito in alta uniforme, con quella bella divisa nera di carabiniere, quella

bella fascia bianca e sulla testa il cappello col pennacchio colorato..

E tu sei una bambina di nove-dieci anni che comincia a domandarsi i primi

perchè della vita, non ti capaciti a veder tuo padre in giro per casa

diverso da quello delle fotografie.

Là, giovane e bello come il sole, coi capelli neri

e due baffetti che gli davano solo l’aspetto di un uomo autoritario,

perchè sotto,sotto lui era buono come il pane!

Ma lo sappiamo… il tempo è un gran camminatore

e intanto tu cresci e pure tuo padre

nn assomiglia più al bel carabiniere del ritratto!

La divisa nera ha lasciato il posto ad una giacchetta marrone

neanche tanto nuova. Invece delle scarpe nere e lucide

gli vedi ai piedi stivali alti fino al ginocchio.

Il bel cappello col pennacchio colorato

è rimasto sulla foto,

perchè ora tuo padre usa un berretto.

E vestito così, ogni mattina se ne deve andare alla Bellia

dove lavora come caposquadra

per arrotondare la sua pensione di carabiniere.

Quando la sera lui torna a casa stanco,

gli vai incontro, lo abbracci e non ti importa

se non è vestito in alta uniforme!

Quella volta però, mentre stavi giocando a nascondino al Piano Pretura

insieme al solito gruppetto di bambini, amici tuoi

hai visto da lontano tuo padre che stava tornando a casa dopo il lavoro.

Tu con un rapido sguardo,

vedendolo vestito come abbiamo spiegato prima,

hai provato un “AMARO SENSO DI VERGOGNA”

Vicino a te c’erano i tuoi compagnetti

e non avresti mai voluto che avessero visto tuo padre

vestito in quella maniera!!

Allora hai fatto un’azione

che ancora oggi da fastidio alla tua coscienza.

Ti sei girata dall’altro lato e hai fatto finta di non conoscerlo...

Tuo padre era un uomo silenzioso e le sue poche parole

preferiva dirle con gli occhi. Ma quella sera, seduti a tavola,

i suoi occhi rimasero a fissare il piatto della minestrina che aveva davanti!

E fu così che le tue orecchie ascoltarono ciò che mai e poi mai

una figlia avrebbe voluto sentirsi dire da suo padre.

<<OGGI TI SEI VERGOGNATA DI SALUTARMI>>

Rosalba Termini

Febbraio 2016

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Siti utility

Calcolo Imu e Tasi

Calcolo codice fiscale

Consultazione rendite catastali
   

Link Città

Roma
Milano
Napoli
Torino
Bologna
Firenze
Palermo
Genova
                     

VIDEO PROVIDERS

YouTube

Vimeo

Flickr

 

Claudio

Consulente e Formatore | Settore informatico: Web Marketing | Applicativi Office.

Ciao, quello in foto sono io, mi chiamo Claudio Campagna e questo è il mio sito. Sono Web Designer Freelance e mi interesso di CMS, soprattutto di Joomla e Wordpress. Condivido  con altri le mie idee e le mie esperienze. Sviluppo siti web in Joomla. Svolgo il mio lavoro con tanta voglia e molta professionalità.

La mia email per contattarmi: clacamp@libero.it

 

 

 

Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente. ...APPROFONDISCI...