linea marrone

 

 

Ascolta in viva voce

 

AÖI T’ FRUNTȦSTI D’ SALUĖR’M

(Dialettale)


Quann sï ab’tuáta a ved to pàtri ntê r’tràtti ‘mp’nnui casa-casa

v’stuit ‘n pòmpa magna, cu ddà bedda d’visa nèra d’ carrub’nèr,

ddà bedda fascia biancha e ‘n tèsta u capèu cu p’nnàcch culöratu

E tu sï ‘na p’c’ddètta d növ-désg ànnetti

ch cum’nza a dumannè’s i primi p’rchì e p’rcom da vita,

non t’capac’ti a ved to pàtri casa-casa d’vers d’ cu di r’tràtti.

Ddà, giövu e b’ddàzz com u sö, cu i cavégghi nèri

e döi mustàzzetti ch’ ggh dèv’nu so l’apparènza d l’öm autor’tàri

p’rchì sötta sötta jéu era böngh com u pangh.

Ma u sa’vöma, u temp é ‘n rann cam’naör

e ‘ntant tu crésci e ‘mpùru to pà nan ha ciù a s’m’gghiànza  

du beù carrub’nèr du r’tràtt.

A d’visa nèra ha lasciait u póst a na giacchétta marröngh

manch tant növa. Inveci di scàrpi nèri e luc’di

ggh’vidi e pè st’vàli àuti o g’nögg.

U bèu capèu cu p’nnàcch culöratu

ha r’stà ntô r’tràtt

p’rchì ora to pà usa na b’rrètta.

E v’stu accuscì ogn’ mattingh s’n’ara anné a B’ddia

unna travagghia com capusquatra

p’aum’ntè i grai da so pensiôngh d’ carrub’ner.

Quann a séra jèu s’r’cöggh ‘n casa stanch,

ggh vai ‘ncontr, tu brazzi e non t’ ‘mpòrta

s’ non è v’stuit ‘n pòmpa magna.

‘N ddà vòta però no mèntr ch’stavi giuànn a mùcci

o Ciàn Pretura ‘nzému o söl’t gruppètt d carusetti amici toi,

scaristi d’ dduntàngh to pàtri ch s’ stava r’cögghienn ‘n casa dop u travàggh.

Tu ca cöda d’ l’òggi,

v’dennlu v’stuit com avöma spiegat prima,

pruvàsti N’AMAR S’NT’MENT D’ V’RGOGNA.

V’sgingh a ti ggh’er’nu i toi cumpagnétti

e non avisci mai vulùit ch’ jeddi avess’nu v’duit to pàtri

v’stuit ‘n ddà manèra.

All’öra fasgisti n’att ch’ancöra aôi a to cuscenza r’mulia...

t’ vutasti d’ ddabànna

p’ fè finta d’ non canösc’lu.

To pàtri era n’om mutàngh’n e i so pochi paròddi

i disgeva d’ preferènza cu l’öggi. Ma cödda sèra, s’tati ‘n tàvula

i so öggi r’sta’nu a f’ssé u piàtt da m’n’strina ch’ ggh’avéa danànzi.

E fu accuscì ch’ i to aréggi scutànu cô ch mai e pöi mai

na figghia avèss vuluit sent’s dì d’ so pà

“AÖI T’ FRUNTȦSTI D ’SALUĖR’M”

Rosalba Termini

Febbraio 2016

       



 

 

OGGI TI SEI VERGOGNATA DI SALUTARMI

(Traduzione)


Quando sei abituata a vedere tuo padre nelle fotografie appese in casa

vestito in alta uniforme, con quella bella divisa nera di carabiniere, quella

bella fascia bianca e sulla testa il cappello col pennacchio colorato..

E tu sei una bambina di nove-dieci anni che comincia a domandarsi i primi

perchè della vita, non ti capaciti a veder tuo padre in giro per casa

diverso da quello delle fotografie.

Là, giovane e bello come il sole, coi capelli neri

e due baffetti che gli davano solo l’aspetto di un uomo autoritario,

perchè sotto,sotto lui era buono come il pane!

Ma lo sappiamo… il tempo è un gran camminatore

e intanto tu cresci e pure tuo padre

nn assomiglia più al bel carabiniere del ritratto!

La divisa nera ha lasciato il posto ad una giacchetta marrone

neanche tanto nuova. Invece delle scarpe nere e lucide

gli vedi ai piedi stivali alti fino al ginocchio.

Il bel cappello col pennacchio colorato

è rimasto sulla foto,

perchè ora tuo padre usa un berretto.

E vestito così, ogni mattina se ne deve andare alla Bellia

dove lavora come caposquadra

per arrotondare la sua pensione di carabiniere.

Quando la sera lui torna a casa stanco,

gli vai incontro, lo abbracci e non ti importa

se non è vestito in alta uniforme!

Quella volta però, mentre stavi giocando a nascondino al Piano Pretura

insieme al solito gruppetto di bambini, amici tuoi

hai visto da lontano tuo padre che stava tornando a casa dopo il lavoro.

Tu con un rapido sguardo,

vedendolo vestito come abbiamo spiegato prima,

hai provato un “AMARO SENSO DI VERGOGNA”

Vicino a te c’erano i tuoi compagnetti

e non avresti mai voluto che avessero visto tuo padre

vestito in quella maniera!!

Allora hai fatto un’azione

che ancora oggi da fastidio alla tua coscienza.

Ti sei girata dall’altro lato e hai fatto finta di non conoscerlo...

Tuo padre era un uomo silenzioso e le sue poche parole

preferiva dirle con gli occhi. Ma quella sera, seduti a tavola,

i suoi occhi rimasero a fissare il piatto della minestrina che aveva davanti!

E fu così che le tue orecchie ascoltarono ciò che mai e poi mai

una figlia avrebbe voluto sentirsi dire da suo padre.

<<OGGI TI SEI VERGOGNATA DI SALUTARMI>>

Rosalba Termini

Febbraio 2016

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Siti utility

Calcolo Imu e Tasi

Calcolo codice fiscale

Consultazione rendite catastali
   

Link Città

Roma
Milano
Napoli
Torino
Bologna
Firenze
Palermo
Genova
                     

VIDEO PROVIDERS

YouTube

Vimeo

Flickr

 

ClaudioCiao, quello in foto sono io, mi chiamo Claudio Campagna e questo è il mio sito. Sono Web Designer Freelance e mi interesso di CMS, soprattutto di Joomla e Wordpress. Condivido  con altri le mie idee e le mie esperienze. Sviluppo siti web in Joomla. Svolgo il mio lavoro con tanta voglia e molta professionalità.

La mia email per contattarmi: clacamp@libero.it

 

 

 

Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente. ...APPROFONDISCI...