linea marrone

 

 

 

Ascolta in viva voce

 

‘N R’GORD D’ L’BERTA'

(Dialettale)

 

Ggh’è na stràta a Ciazza ch’ s’ ciama Via Cast’ddina.

Jèdda è tutta p’ nningh e all’ é b’ca era faita d’ balatèddi

pròpiu p’ fr’nè i zzoculi di scècchi ch’ ‘na vota

cianav’nu e sc’nivunu d’ ddocu.

Ora, s’èra veru ch’ i balatèddi fr’nav’nu

‘ncorch bona sc’dd’càda   all’armài,

era mpùr veru ch’ jèddi fasgèv’nu ‘mping’r u tacch

di scarpini, di b’ ddi s’ gnùri ch’ a drumènia, do P’rtusg

cianav’nu pa Via Cast’ddina, p’ annès a fè

na passiada o Generau Cascingh.

Putè crèd quant’era d’ f’curtos cianè e scenn’r   p’ cössa stràta,

tantu ch’ ì fömni (ggh’ l’ oia ancora davanzi a l’ òggi)

camm’ nav’nu a doi o tre n’ semula, t’ nen’s a braccett’

p’ n’ an   sc’ dd’ ché, ma cu pricu ch’ s’ sc’dd’cava una

s’ purtava darrera mpùr l’ àutri!

Ma p’ mi n’an era accuscì!

Jè, ancora carusetta e senza tacchi,

sa stràta ma fasgeva tutta currenn a scata’ cor e mai sòla.

Era sempr ‘n cumpagnia d’ n gruppètt d’ f’mneddi

me cumpagnétt d’ l’ Aziongh Cattol’ cha.

Accuscì s’ ciamava all’ora a frequènza na parrocchia

ch’ p’ mi era cödda d’ Santa Ven’ra.

‘Ncoch vòta, doi o tri carusètti masculiddi s’ iungiv’nu

ma jèddi u savev’ nu d’ pr’ ncipiu ch’ era “partita persa”!

Currev’ nu scì , ma sempr d’ arrera ... senza mai putir’ n iung’ rn.

Pròpiu beddi ddi cörsi pì stratuzzi

ch’ partenn’ da Via Cast’ddina, s’ nf’ lav’nu una dìntra l’àutra

com’ n’ dedalu.. Ma appena n’ parèva d’ ess’n p’rdui,

d’ n’ cop n’ r’ truvav’ mu o punt d’ partènza e u jocu r’ p’ gghiava.

N’ trasiv’mu n’ viculo e scatiav’mu n’ nautru...sempr’ d’ cörsa

com’ s’av’m anné a p’gghiè u’ pàliu!!

Inveci era p’ r’ taggh’ern n’oretta d’ l’ bertà!!

Dda cörsa d ’fatt n’ fasgeva s’ntìr ciù ranni e ciù L’ BERI...

P’ ccà ch’ noi tann non savèv ’mu!!!

Ora, dop tan’ anni, u pozz dì..

Ddu s’nt’ ment d’ l’ bertà ch’ pruvov’ ma,

era pa d’ subb’ dienza ch’ fasgev’ mu!

Eh già. Cöss fatt d’annè   g’rè pi stratuzzi da Cast’ ddina,

era na còsa proibita, spéci d’ me mà,

ch’ m’ assa volut semp sötta a so gonna.

Ma propri p’ cöss jè n’an scutava, e a drumènia

dop u catechism’ cu sol’t gruppett d’ caruseddi,

partiva p a sol’ta sped’ ziongh...

A cörsa pazza   e allegracör pi viculi...

No méntr ch’ currev’mu, griav’ mu a vösge d’ tèsta

paroddi sènza s’ gnf ‘ cà, ch’ n’fasgèv’nu rid

A ddu songh arg’ ntingh da nostra r’sada,

i cr’ stiàni s’ facc’ av’ nu o balcön

e c’era cu r’diva e cu n’ d’ sgeva ciù d’ na paruddàzza!

E quant’era bèu scanzé u’ pricu d’ p’gghiers ‘n corp d’ bastöngh

d’ n’ v’gghiètt   s’ tà d’ giurnàda ‘ntô scalöngh davanzi a so porta!

Jéu cu l’ òggi a pampanedda, par’va sempr durmù

ma, com n’ s’nt’va   r’vè griannu a da manèra,

cum’ nzàva a santiè << Talè, talè s’stana r’ cugghiènn i scavaddai...

Annév’n   ‘n casa...Via d’ zzà>>

No mentr fasgèva rotar n’ l’ àriu u so bastöngh

ma senza mai ‘ ngagghiarn’...

Secunn mi, cöss da drumènia, era mpur pu v’gghiètt

‘na specie d’appuntament’ cu niàti caruseddi.

Crèd propri ch’ieu n’ sp’ttava!

Perciò a so r’eaziöngh era sulu ‘na pantum’ma p’ ders ‘n vant,

ma, sötta sötta, era cuntènt.

Ora ch’ mpur jè n’ an sign ciù carùsetta

cöst r’gord d’ l’bertà davanzi a l’oggi...

m’ cunòrta.

Rosalba Termini

Gennaio 2016

   

 

 

 

 


UN RICORDO DI LIBERTA’

(Traduzione)

 

C’è una strada a Piazza che si chiama Via Castellina.

Essa è tutta in discesa e all’epoca era fatta di balateddi

proprio per frenare gli zoccoli degli asini che una volta

salivano e scendevano per quella strada.

Ora, se era vero che i balateddi frenavano

qualche bello scivolone agli animali,

era pur vero, che esse “trattenevano” il tacco

delle scarpe eleganti alle belle signore che la domenica, dal Buco

salivano per Via Castellina, per andare

a fare una passeggiata al Generale Cascino.

Potete credere quanto fosse difficile salire e scendere per questa strada,

tanto che le donne (le ho ancora davanti agli occhi)

camminavano a due o tre insieme, tenendosi a braccetto

per non scivolare, ma col pericolo che se scivolava una

si trascinava dietro anche le altre!

Ma per me non era così!

Io, ancora ragazzina e senza tacchi,

questa strada la facevo tutta correndo a perdifiato, e mai da sola.

Ero sempre in compagnia di un gruppetto di ragazzine

mie compagnette dell’Azione Cattolica.

Così si chiamava allora la frequenza in parrocchia

che per me era quella di Santa Veneranda.

Qualche volta, due o tre maschietti si aggiungevano

al nostro gruppetto di femminucce,

ma loro sapevano dall’inizio che era “partita persa”!

Correvano sì, ma sempre dietro...senza mai poterci raggiungere.

Proprio belle quelle corse per le stradine

che, partendo da Via Castellina, si infilavano una dentro l’altra

come un dedalo...Ma appena ci sembrava d’esserci perse,

di colpo ci ritrovavamo al punto di partenza e il gioco ricominciava.

Entravamo in un vicolo e ci ritrovavamo in un altro...sempre di corsa

come se avessimo dovuto andare a prendere il palio!

Invece era per ritagliarci un’oretta di libertà!

Quella corsa infatti ci faceva sentire più grandi e più liberi..

Peccato che noi allora non lo sapevamo!

Ora, dopo tanti anni, lo posso dire...

Quel sentimento di libertà che provavamo,

era per la disubbidienza che facevamo!

Eh già. Questo fatto di andare in giro per le stradine della Castellina,

era una cosa proibita, specialmente da mia madre

che avrebbe voluto sempre tenermi vicino a sè.

Ma proprio per questo io non l’ascoltavo, e la domenica

dopo il catechismo, col solito gruppetto di ragazzine

partivo per la solita spedizione...

La corsa pazza e felice attraverso i vicoli...

Mentre correvamo, gridavamo ad alta voce parole senza senso...

che ci facevano ridere! A quel timbro argentino della nostra risata

le persone si affacciavano al balcone

e c’era chi rideva e chi ci rivolgeva più d’una parolaccia!

E quant’era bello evitare il pericolo di ricevere un colpo di bastone

da un vecchietto seduto tutto il giorno sul gradino davanti alla sua porta!

Lui con gli occhi socchiusi, sembrava sempre addormentato ma,

appena ci sentiva arrivare gridando in quella maniera,

cominciava a gridare << Guarda, guarda, stanno arrivando i monelli...

Andatevene a casa...Via di qua>>

Intanto faceva roteare in aria il suo bastone

ma senza mai colpirci...

Secondo me, questo della domenica, era pure per il vecchietto

una specie di appuntamento con noi ragazzini.

Credo proprio che lui ci aspettasse!

Perciò la sua reazione era solo una farsa per darsi un contegno

ma, sotto sotto era contento.

Ora che anch’io non sono piu ragazzina,

questo ricordo di libertà davanti agli occhi...

mi conforta.

Rosalba Termini

Gennaio 2016

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Siti utility

Calcolo Imu e Tasi

Calcolo codice fiscale

Consultazione rendite catastali
   

Link Città

Roma
Milano
Napoli
Torino
Bologna
Firenze
Palermo
Genova
                     

VIDEO PROVIDERS

YouTube

Vimeo

Flickr

 

ClaudioCiao, quello in foto sono io, mi chiamo Claudio Campagna e questo è il mio sito. Sono Web Designer Freelance e mi interesso di CMS, soprattutto di Joomla e Wordpress. Condivido  con altri le mie idee e le mie esperienze. Sviluppo siti web in Joomla. Svolgo il mio lavoro con tanta voglia e molta professionalità.

La mia email per contattarmi: clacamp@libero.it

 

 

 

Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente. ...APPROFONDISCI...