linea marrone

 

ricotta

 

Dialettale (Piazza Armerina)

...ANCORA   M’ R ’SÖNA N ’L’ARÉGGI.... 

 

Ascolta in viva voce


Nan m’ r’gord cu fu a dirlu...Crëc ‘n puéta,

e secön mi, ièu aviva milla can’ d’ ragiun!

Certi paroddi han d’intra ‘na spec d’ magia!

Tu i nomni, e d’ n corp t’ r trovi traspurtà a n’ àutra banna,

autr’ temp, autri s’tuaziöi!

Una d’ chissi paroddi è “R’CÖITA”.

A numne’la, m’par d’sent’r propri a stissa vösg du r’cuttèr

ch’ du voti a s’mnana, v ‘niva ntâ mè stràta griànn a sò banniada

“ U r’cutté...n’dda fascèdda bedda cauda cauda, a r’cotta...E chi é?!?!

Ed eccu, ch ‘n casa mia s’m’tiva ‘n motu, ‘na spec’ d’ catina d’montaggiu!

U “PRONTI…VIA” u dava me nanna.

Ièdda, a l’anagraf era r’gstrada cu nom’ d’ Crucfissa.

Ma n’an vuliva essr ciamàta accuscì,

p’richì djeva ch’era ‘nom ciù véggh’ du’ p’sciatu...

(chissi er’nu i so’ pr’cisi paroddi)

P’cöss, iédda stissa l’aviva modernzzat’ cu cödd d’ Fifì.

M’a r’gord sempr s’ttàda supra a seggia

darrera u balcun ch s’facciava su Via Crispi.

Cössa era ‘na böna pustaziön p’ vardè cu’ passava pa’ strata:

s’era sulu... ‘n ‘cumpagnia...com’era v’stù...

E poi, via cu’ u tagghia tagghia, ‘n sému a so’söra Ciccina!!

Puru iéa ab’tava ‘n casa mia p’richì, oramai veduva e senza grai,

a mant’nëva m’e pà.

Accuscì i döi soru s’ fajevn cumpagnia

e, n’an avenn d’autr chi far,

ciucciuliav’nu ntrâ ieddi da’ mattina â sira e..

a cu’ ghi dav’nu e a cu’ ghi prömttiv’nu!!

Ora ch’avöma spiegat’ a s’tuazion d’ ‘ncàsa mia,

turnöma d’arrera...o ”PRONTI...VIA”

Me nanna Fifì, era tanticchia tranda d’areggi

Ma, cödd ch gh’ piajeva s’entr, u s’ntiva meggh’ d’ l’autri!

P cöss, era a prima ch’ s’ntiva a vösg du r’cutté puru d’dduntàngh.

Ad a’prima banniada, z’rcava cu l’öggj so figghia

e poi griava” ‘N’Giulì...N’Giulì... gghiè u r’cutté…

Mov’t , ch’ cödd n’an spetta i to com’di!”

‘N’Giulina, ch’era mè màtri, z’rcava a mì ....

“Ro...Rosà...vengh’zzà”

M’m’tteva ‘ntë mai u sol’t piatt’ cu’i fugghietti doradi

(cöss piatt gh’l’öia ancora sarvà p r’gord)

e je sc’nneva dda’ giösa o piant’rren.

Truvava u r’cuttè, cu a so b’sàzza ntâ spadda

e i fasceddi ‘n na màngh, puntddau d’arrera a porta.

Iéu era n’om sicc’ e long’, cu döi mustàzzetti niuri

e n’testa ‘n taschett a quadratini.

A scena era sempr’ a stissa...Je gh’t’neva u piatt

e iéu trandulann’ a fascedda, gh’fasgeva annè dintra a r’cutedda.

A talièlla, accuscì bianca e morb’ta, ch’ s’ naccava tutta,

v’niva vogghia d’ mangers’la ddu mument stëss...

Ora, dop’ tant’ anni, s’ ciud’ l’öggj,

r’nesciu a sent’r u stëss scior...na böcca o stëss’ savör!

E mpur da banniada

…ANCORA M’ R’ SÖNA N’ L’AREGGI…

Rosalba Termini

(dicembre 2015)

   


Traduzione

...ANCORA MI RISUONA NELLE ORECCHIE...

 

 

 

Non ricordo chi fu a dirlo…Forse un poeta,

e secondo me aveva davvero ragione!

Certe parole hanno nel loro essere una specie di magia.

Le pronunci e ad un tratto ti trovi trasportato in un altro posto,

in altri tempi, in altre situazioni.

Una di queste parole è “RICOTTA”.

A pronunciarla, mi sembra di sentire la stessa voce del venditore

che due volte alla settimana, passava per la mia via

gridando la sua cantilena.

“ U r’cutté...n’dda fascèdda bedda cauda cauda, a r’cotta...E chi é?!?!

Ed ecco che a casa mia si metteva in moto una specie di catena di montaggio.

Il “PRONTI… VIA” lo dava mia nonna.

Lei all’anagrafe era registrata col nome di Crocifissa.

Ma non voleva essere chiamata così!

…diceva che era un nome molto antico.

(queste erano le sue precise parole)

Per questo lei stessa l’aveva modernizzato con quello di “Fifì”

Me la ricordo sempre seduta sulla sedia

dietro il balcone che si affacciava su via Crispi.

Quella era una buona postazione per vedere chi passava per la via:

s’era solo… in compagnia… com’ era vestito

E poi via a spettegolare insieme a sua sorella Francesca!

Anche lei abitava a casa mia perché, ormai vedova e senza soldi,

veniva mantenuta da mio padre.

Così le due sorelle si facevano compagnia

ma non avendo altro da fare

parlottavano fra loro dalla mattina alla sera…

E ne avevano da ridire su tutti!

Ora che abbiamo spiegato la situazione di casa mia,

torniamo indietro al “PRONTI… VIA”

Mia nonna Fifì era un po sorda

Ma quello che le piaceva sentire, lo udiva meglio degli altri.

Per questo era la prima che sentiva la voce del venditore di ricotta

anche da lontano.

Alla prima voce, cercava con gli occhi sua figlia, e poi gridava

“Angelina… Angelina c’è il venditore di ricotta

Muoviti che lui non aspetta i tuoi comodi!”

Angelina, che era mia madre, cercava me

“Rosalba… Rosalba vieni qua!”

Mi metteva tra le mani il solito piatto con le foglioline dorate

(questo piatto ancora lo conservo per ricordo)

E io scendevo laggiù al piano terra.

Trovavo il venditore di ricotta con la sua bisaccia in spalla

e i contenitori pieni di ricotta in mano

appoggiato dietro la porta.

Lui era un uomo magro e alto, con due baffetti neri

e sul capo un berretto a quadretti.

La scena era sempre la stessa… Io tenevo il piatto

e lui muovendo il contenitore, gli faceva scivolare dentro la ricotta.

A guardarla, così bianca e morbida, che si muoveva tutta

Veniva voglia di mangiarsela in quello stesso momento!

Ora, dopo tanti anni, se chiudo gli occhi

riesco a sentire lo stesso profumo… in bocca lo stesso sapore!

E anche quella cantilena

ANCORA MI RISUONA NELLE ORECCHIE…

Rosalba Termini

Dicembre 2015

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Siti utility

Calcolo Imu e Tasi

Calcolo codice fiscale

Consultazione rendite catastali
   

Link Città

Roma
Milano
Napoli
Torino
Bologna
Firenze
Palermo
Genova
                     

VIDEO PROVIDERS

YouTube

Vimeo

Flickr

 

ClaudioCiao, quello in foto sono io, mi chiamo Claudio Campagna e questo è il mio sito. Sono Web Designer Freelance e mi interesso di CMS, soprattutto di Joomla e Wordpress. Condivido  con altri le mie idee e le mie esperienze. Sviluppo siti web in Joomla. Svolgo il mio lavoro con tanta voglia e molta professionalità.

La mia email per contattarmi: clacamp@libero.it

 

 

 

Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente. ...APPROFONDISCI...