linea marrone

fichidindia 

 

Ascolta in viva voce

 

COM’ S’ L’ AVESS ACCETTAT

(Dialettale)

 

A valigia ‘n na màngh… ‘n l’autra a bursètta

Camin‘nu o Generàu Cascìngh, ‘n na giurnàda d’ fìngh Ottövr

ancöra sötta l’oggi o sö

Ànn l’aria sbàttua, d’ cöddi c’ànn fait ‘n vìagg ddöngh

Eh già, su döi ciaccësi ch’ ven’nu ntô Nord Itàlia fingh zzà

O paìs, pa fèsta dî morti.

Cöss viaggétt iéddi u fànu agnad’ann

Nan sö p’ purtè i sciùri e so mòrti

Ma p’rchì su assài f’ziunàdi a Ciàzza ch’ i fës nàsc.

Iéu, u marì, camìna avanti, drìtt pa so stràta

Hav prèscia d’ r’vè ‘n casa so

Iédda, a mugghièr, ggh va d’arréra.

U pass ‘n po’ ciù lent. Ma qual è u mutiv?

P’rchì sarà ciù stanca?

Nòn’zi, u motiv nan è cöss

I so oggi nan han pr’mùra

su d’siösi d’ guardè i banchétti cu a v’rdùra o m’rcatin

Ddà v’rdùredda tantu d’siàda o Nord Italia!

S’ha vuléss cattè öra, tutta. Purtèr’s’la ‘n càsa,

cum’nzèla a pulziè e a coc’r’ prima d’ svutè a valigia.

‘Ncòrch vòta, no so avant e ‘ndrè Nord-Sud

Ha cap’tàt pròpriu accuscì.

Quànn eccu, ndé v’sgìcnanzi du banchètt d’ Màriu,

Ungh dî so amìsgi v’rdùrari,

Succèd ‘ncòch cosa ch’ sa d’ commovent.

Màriu, o baröm ch’ava già scarù a föm’na ‘n luntananza,

Ggh pòrz a man, e dìntra chi ggh’è?

‘NA BEDDA F’CUDDÌNA, arangìngh e giàlla

È a so manéra d’ féggh’ a bonturnàda.

Ggh’a vuless munnè, p’ feggh‘la mangè ‘ndo mumént stìss

ancora tutta ‘ntabarrada e sèmpr cu a valigia ‘n manu

“Benturnada a Ciazza, s’gnù! A vidu stanca

S’ r’criàss cu sta bedda f’cuddìna! Ora ggh’a munn’”

A föm’na s’ ferma ‘n mumènt p’ saluèrlu,

mozionada p’ cöss gèst

ch’av u savör da vera am’cìzia, du’ veru affettu.

Eccòm s’ha vulèss mangè da bedda f’cuddìna!

Ma, cèntu passi avanti, ggh’è so marì

Ch’ ‘nprimis, i f’cudd’ni nan ggh piàsginu

P’ secönn, av pr’mùra d’ r’vè ‘n casa

(mànch s’aviss f’gghétti cu spett’nu)

Tèrza e urt’ma cosa, iéu nan è purtà p’ sti fastucchi.

No méntr s’ha f’rmà p’ guardè a scena e i so oggi par ch d’sgess’ru

“Avà, Rosà, mòv’t, ggh’ai désg giörni d’ témp

p’ mangèt tutta a v’rduredda e i f’cuddìni ch’ voi”

A föm’na, ch’ capisc so’ marì o’ barbariar d’ l’oggi,

p’ nan fè chiàcch’ri mancu bonu r’vadi a Ciàzza,

u scuta e s’ sp’dugghia a cam’nè.

Talìa arréra a bedda f’cuddìna

t’nùa n’dda manu cu tanta d’l’catezza

mànch s’ nan aviss spini.

Cussà comm’ava èss dözz?

“Nònzi, gràzi cu tutt u cör, CÒM S’ L’AVESS ACCETTAT”

Dumàngh mattìngh n’ v’döma

 

Rosalba Termini

 

        

 

 

 

COME SE LO AVESSI ACCETTATO

(Traduzione)

 

La valigia in una mano nell'altra la borsetta
  Camminano al Generale Cascino,
  In una giornata di fine Ottobre
  Ancora sotto il sole
  Hanno l'aria stanca,
  Di quelli che hanno fatto un lungo viaggio.
Eh già, sono due piazzesi che vengono dal Nord fino a qui

  Al paese, per la festa dei morti
  Questo viaggetto lo fanno ogni anno
  Non solo per portare i fiori ai loro morti
  Ma perché sono molto affezionati a Piazza
  Che li fece nascere.
Lui, il marito, cammina avanti diritto per la sua strada

  Ha fretta di arrivare a casa sua
  Lei, la moglie, gli va dietro
  Il passo un po' più lento,
  Ma qual è il motivo? Perché sarà più stanca?
  No, il motivo non è questo. 
I suoi occhi non hanno premura, sono desiderosi di guardare

  I banchetti con la verdura al mercatino
  Quella verduretta tanto desiderata al Nord
  Se la vorebbe comperare ora, tutta. Portarsela a casa
  Incominciarla a pulire e a cuocere prima di disfare la valigia
  Qualche volta, nel suo avanti e indietro Nord-Sud
  E' capitato proprio così. 
Quand'ecco, nelle vicinanze del banchetto di Mario,

  Uno dei suoi amici verdurari,
  Accade qualcosa che sa di commovente.
  Mario, l'uomo che aveva già visto la donna in lontananza
  Le porge la mano, e dentro cosa c'è?
  Un bel ficodindia arancione e giallo
  E' il suo modo di darle il benvenuto. 
Glielo vorrebbe sbucciare per farglielo mangiare ora stesso

  Ancora tutta imbacucata e sempre con la valigia in mano
  "Bentornata a Piazza signora! La vedo stanca
  Si ristori con questo bel ficodindia! Ora glielo sbuccio"
  La donna si ferma un momento per salutarlo
  E' emozionata per questo gesto
  Che ha il sapore della vera amicizia, del vero affetto. 
Eccome se volesse mangiarlo quel bel ficodindia!

  Ma cento passi avanti, c'è suo marito
  Che per primo, i ficodindia non gli piacciono
  Per secondo, ha premura di arrivare a casa
  (neanche avesse figlioletti che lo aspettano)
  Terzo e ultimo, lui non è portato per queste smancerie. 
Nel mentre (lui) si è fermato per guardare la scena

  E i suoi occhi sembra che dicessero
  "Dai! Rosà, muoviti, che hai dieci giorni di tempo
  per mangiarti tutta la verdura e i ficodindia che vuoi"
  La donna, che capisce suo marito al muovere delle ciglia,
  Per non fare chiacchiere non appena arrivati,
  Lo ascolta e si sbriga a camminare. 
Guarda di nuovo il bel ficodindia

  Tenuto in mano con tanta delicatezza,
  Come se non avesse spine,
  Chissà come doveva essere dolce?
  "No, grazie di tutto cuore,
  COME SE LO AVESSI ACCETTATO"
  Domani mattina ci vediamo.
 

ROSALBA TERMINI, 2015

 

 

Commenti   

0 #2 mara anfuso 2016-05-16 19:03
Molto buoni i ficodindia Io l'avrei mangiata Splendida la tua recita si ha l'impressine che tu sia dentro lo schermo. Bellissima la descrizione di questa coppia che arriva a Ciazza? Insisto sulla registrazione del CD Un abbraccio Mara. iIl computer fale bizze è tutto sfasato.
Citazione
0 #1 mara anfuso 2016-05-16 18:54
Io la fichidindia mi sarei fermata a mangiarla. mi piacciono tantissimo
.


Sempre molto bello sentirti recitare mi sembra di averti accanto. insisto sulla registrazione del CD .Un bacio a presto Mara
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Siti utility

Calcolo Imu e Tasi

Calcolo codice fiscale

Consultazione rendite catastali
   

Link Città

Roma
Milano
Napoli
Torino
Bologna
Firenze
Palermo
Genova
                     

VIDEO PROVIDERS

YouTube

Vimeo

Flickr

 

ClaudioCiao, quello in foto sono io, mi chiamo Claudio Campagna e questo è il mio sito. Sono Web Designer Freelance e mi interesso di CMS, soprattutto di Joomla e Wordpress. Condivido  con altri le mie idee e le mie esperienze. Sviluppo siti web in Joomla. Svolgo il mio lavoro con tanta voglia e molta professionalità.

La mia email per contattarmi: clacamp@libero.it

 

 

 

Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente. ...APPROFONDISCI...